Home > Glossario > SEA

Definizione, significato ed esempi di:
SEA

La Search Engine Advertising (SEA) è l’attività di marketing digitale che, tramite i motori di ricerca e i social network, veicola traffico qualificato con annunci a pagamento verso un sito web o una landing page. Si basa prevalentemente sul Pay Per Click (PPC).

Tra gli strumenti offerti dalla SEM, la SEA è un mezzo di promozione che, attraverso le informazioni di cui è in possesso la piattaforma intermediatrice (Google, Bing, Youtube, Facebook, etc..), prospetta ad un pubblico specifico annunci sotto forma testuale e/o visuale con immagini o video.
Quanto si pagherà per ogni clik si stabilisce in base al budget messo a disposizione dall’inserzionista per un determinato range temporale (quotidiano, mensile o a campagna), e tenendo conto di diversi fattori tra cui la rilevanza dell’annuncio, la qualità della pagina di destinazione, l’orario in cui apparirà l’annuncio e la sua formattazione.
Pubblicando annunci a pagamento, si genera un’immediata opportunità di portare nuovo traffico verso i propri canali in maniera misurabile, e quindi ottimizzabile. Inoltre permette velocemente di:

  • raccogliere nuovi dati preziosi;
  • testare nuovi target;
  • aumentare la riconoscibilità del proprio marchio.

La “controindicazione”, a differenza della SEO che genera risultati nel medio lungo periodo, sta nella sua efficacia limitata alla durata della campagna: appena disattivata infatti, si torna immediatamente ai livelli di traffico che c’erano prima di avviarla.

Esempio
Durante la navigazione, in aree evidenti della pagina, possono comparire annunci basati su possibili interessi, come nell’inserzione qui sotto proposta da Facebook.

Oppure possono comparire annunci in risposta a query digitate dall’utente all’interno del motore di ricerca. Ovviamente la maggiore visibilità ce l’hanno gli annunci sponsorizzati rispetto al traffico organico, come è ben evidente da questi risultati posti a destra della pagina di Google in risposta alla query “cucine componibili”.

TORNIAMO ALL’ELENCO

PASSIAMO ALLA PROSSIMA

PAROLA